In Via Materdomini, località Sotto le Grotte, lungo la vecchia strada sterrata che conduce al vicino borgo di Aieta, vi è una piccola costruzione rettangolare, la Cappella di Mater Domini. Ricostruita, tra l’Ottocento ed il Novecento, per volontà di un emigrato tortorese tornato in patria; la struttura architettonica attuale è diversa dalla originale, la volta è completamente affrescata con dipinti che presumibilmente rievocano quelli originali, l'effige dipinta sull’altare richiama il culto della Madonna dell'Odigitria portato in Italia dai monaci basiliani. Anche l’ubicazione della cappella, ai piedi di una grande grotta possibile rifugio di monaci eremiti, avvalora l'ipotesi che si tratti di una vecchia cappella basiliana.

Cappella di Mater Domini