Il Santuario della Madonna del Lauro di Scalea, fu edificato agli inizi del XVIII secolo dai marinai scaleoti e sorrentini, per sciogliere un voto fatto alla Madonna in occasione di una tempesta: l’equipaggio campano fece voto di costruire una chiesa, lì dove il mare li avrebbe sbarcati sani e salvi, fu così che all'estrema periferia di allora di Scalea venne costruita la chiesetta dedicata alla Madonna del Lauro, patrona di Meta di Sorrento e protettrice dei marinai. La chiesa fu elevata a Santuario diocesano l’8 settembre 1997, giorno in cui ancora oggi si festeggia la Vergine, con una processione a mare, sono proprio i marinai del luogo che in quel giorno fanno rivivere, simbolicamente, con una suggestiva processione, l'arrivo della statua della Madonna attraverso il mare. All’interno del santuario, costituito da una singola navata, è presente una statua in gesso che raffigura la Madonna con in braccio il Bambino, agli inizi del 900’ è stata posta una corona in argento, in segno di devozione dai marinai di Scalea; un bel portale in bronzo impreziosisce la facciata del settecento.
Santuario della Madonna del Lauro